Un'azienda dovrebbe implementare un WMS in modalità SaaS o licenza?

Pubblicato su 24 Gennaio 2023

Cloud_SaaS
fabien_bergeron
Bergeron
Fabien
Key Account Manager
Categorie
Magazzino
Supply Chain

Quando l'operatività supera le capacità di gestione delle scorte dell'ERP aziendale, per supportare in modo efficiente le attività di magazzino sarà necessario implementare un software WMS . Ma quale scegliere? E come implementarlo? On-premise o su cloud?  

Con così tante opzioni offerte dal mercato e la varietà di modelli di implementazione disponibili, può risultare difficile selezionare il software di gestione magazzino più adatto alle proprie esigenze. In questo articolo analizzeremo due modelli di implementazione: in abbonamento (SaaS) e acquisto della licenza (on-premise), e discuteremo alcuni dei motivi per i quali la maggior parte delle attività di distribuzione e di produzione dovrebbe favorire il primo rispetto all'altro.

WMS: SaaS o licenza?

Quando si acquista un warehouse management system (WMS) attraverso un modello licenza, i licenziatari stanno di fatto acquisendo un prodotto che poi possiederanno. In genere, le aziende ottengono i diritti (spesso limitati) sul software e sul suo codice sorgente effettuando una spesa una tantum piuttosto elevata. Devono poi implementare il WMS su server privati, in locale o esternamente.

Invece, abbonandosi a un WMS SaaS, gli operatori ottengono l’accesso al software e alle sue funzionalità, ma non possiedono il prodotto in sé. Il WMS rimane ospitato sui server del fornitore del servizio, a cui gli operatori accedono tramite Internet. Anziché corrispondere un costo iniziale, come con il modello licenza, le aziende pagano un canone mensile o annuale per l'utilizzo del software gestionale WMS e beneficiano dei servizi di assistenza e manutenzione del fornitore.

Un'importante differenza tra i due modelli sta quindi nel fatto che una licenza consente agli operatori di acquistare e possedere un prodotto, ossia il WMS, mentre un abbonamento in modalità SaaS fornisce accesso al software e a una serie di servizi personalizzati. Le aziende che optano per la prima tipologia devono comunque acquistare questi servizi in aggiunta al programma di gestione magazzino stesso; un costo che, se sommato alla spesa iniziale elevata per l’acquisizione della licenza, può avere un impatto significativo sull'agilità finanziaria dell’organizzazione.

Costo totale di possesso (TCO)

Si potrebbe obiettare che, nel tempo, i canoni di abbonamento rappresenteranno un TCO maggiore rispetto al modello licenza. Ma in realtà non è così. Ipoteticamente parlando, una soluzione WMS SaaS in esecuzione su un'infrastruttura locale potrebbe essere più costosa di un WMS acquistato; tuttavia dal momento che gli utenti in genere si orientano verso le soluzioni SaaS proprio per evitare le implementazioni on-premise, il TCO di un WMS SaaS sarà sempre notevolmente inferiore. È il caso, ad esempio, del software WMS di Generix.

Nel determinare il TCO di una licenza WMS, le aziende devono considerare i costi di acquisizione della tecnologia e dell'infrastruttura necessaria per eseguire il software. Oltre all'hardware, devono prevedere anche la spesa legata ai continui interventi di manutenzione necessari a garantire che la soluzione funzioni sempre in modo ottimale. E dal momento che il sistema di gestione magazzino viene implementato su server privati, il TCO deve anche includere i costi di un team IT interno incaricato di sviluppare, integrare, supportare e migliorare la soluzione.

Un WMS on demand è invece ospitato sui server del fornitore di servizi, il che fa risparmiare alle aziende l'onere dei costi appena menzionati. Con il SaaS, infatti, non vi sarà più necessità di dispendiosi aggiornamenti dell'infrastruttura o di un team IT interno specializzato. I canoni di abbonamento copriranno l'uso del WMS oltre ai servizi di assistenza e manutenzione offerti dal fornitore.

Scalabilità

Parlando dei servizi di manutenzione, vediamo cosa possono aspettarsi le aziende quando decidono di sviluppare e aggiornare il loro software di gestione magazzino.

Poiché gli abbonati SaaS pagano per un servizio, e non per un prodotto, non devono attendere o spendere altre preziose risorse per beneficiare della versione e delle funzionalità più recenti del software. Il fornitore di servizi è infatti incentivato a sviluppare costantemente il suo prodotto: migliore è il servizio, maggiori sono le probabilità di mantenere e ampliare la propria base di clienti. E dal momento che la soluzione è ospitata sui server del fornitore, l'implementazione e l'integrazione di nuovi moduli avviene in genere in maniera molto agevole, per lo meno dal punto di vista dell’abbonato.

Per contro, il modello licenza funziona in modo diverso. In questo caso, la principale fonte di guadagno degli sviluppatori di software proviene dalla vendita delle ultime versioni del WMS, pertanto per loro, dal punto di vista commerciale, non ha senso rilasciare nuove funzionalità fino a quando non è pronta una nuova e più completa release del programma per il magazzino da immettere sul mercato. Una scelta che per i licenziatari significa essere alla mercé degli sviluppatori in termini di scalabilità del sistema, con ulteriori implicazioni in termini di costi di implementazione e integrazione, che vanno ad aggiungersi al TCO della soluzione.

Ma c'è anche un altro vantaggio, in un certo senso collaterale, legato al modello SaaS, con il quale si sviluppa naturalmente una relazione tra gli abbonati e il fornitore del servizio che attiva un circuito di feedback assai proficuo. Grazie ai costanti riscontri forniti dagli utenti, infatti, gli sviluppatori possono scalare la soluzione con moduli e funzionalità realmente adattati alle effettive esigenze dei clienti. Questa eventualità appare molto meno probabile con il modello licenza, dove la relazione con il software vendor spesso termina non appena i termini del contratto sono stati soddisfatti.
 
Quest'ultimo aspetto potrebbe spiegare in parte il successo riscosso da Generix con la soluzione Generix WMS in modalità SaaS. Sviluppando il sistema in collaborazione con utenti e partner esterni, gli ingegneri e gli sviluppatori di Generix hanno progettato una soluzione WMS completa di tutte le funzionalità inserita da Gartner nel suo Magic Quadrant. 

Disponibilità del sistema

I potenziali acquirenti a volte si preoccupano che un WMS in modalità SaaS, rispetto a un prodotto implementato su server locali, sia maggiormente a rischio di non essere disponibile nel caso qualcosa vada storto. Si tratta tuttavia di un timore infondato, poiché una soluzione SaaS spesso rappresenta la scelta più sicura tra i due modelli in termini di disponibilità.

Nell'ambito di un modello in abbonamento, i fornitori del servizio si impegnano a sottoscrivere un service level agreement (SLA) in cui garantiscono l'uptime del sistema. Generix, ad esempio, assicura l'operatività del suo software gestionale WMS presso i clienti per il 99,9% del tempo. In caso di inconvenienti, il fornitore è interamente responsabile di provvedere a una soluzione e ha ogni possibile interesse a farlo nel minor tempo possibile.
Invece, quando qualcosa va storto con un WMS on-premise o proprietario, le aziende devono farsi in quattro per trovare le risorse in grado di risolvere il problema. Se il team IT non è in grado di trovare una soluzione, un malfunzionamento del software magazzino potrebbe rallentare gravemente, se non interrompere completamente, le attività per ore in attesa dell'assistenza esterna. Assistenza che, naturalmente, costa risorse economiche. 

La soluzione chiavi in mano

Quando Microsoft si rese conto che Google Workspace, disponibile solo in modalità SaaS, stava guadagnando terreno rispetto alla sua suite Office, lo sviluppatore trasferì la soluzione su web e creò Office 365. Da allora, Microsoft è stata in grado di invertire la tendenza e consolidare la propria quota di mercato.

Le soluzioni SaaS non sono una moda. Come abbiamo visto, il TCO, la scalabilità e la disponibilità rendono il modello in abbonamento una soluzione assai appetibile per le piccole e medie aziende e per quelle che possono contare su un accesso limitato ai capitali. Un WMS in modalità SaaS rappresenta una soluzione tecnologica vantaggiosa che offre tutto ciò di cui le aziende hanno bisogno per ottimizzare le proprie attività di magazzino.


Generix Group mette a disposizione dei clienti una serie di soluzioni appartenenti alla suite di prodotti Supply Chain Hub per creare efficienze sull'intera supply chain. Le soluzioni di Generix sono adottate in tutto il mondo e la nostra esperienza è stata maturata in oltre 25 anni di attività a livello internazionale. 

Ti invitiamo a contattarci per maggiori informazioni.

Risorse
Mostra meno risorse
Mostra tutte le risorse