Salta al contenuto principale
implementation of the clearance model in Italy
Da Christophe Viry
on 11 Dec 2019 10:08 AM

Il 1° gennaio 2019 l'Italia è stata il primo paese in Europa a rendere obbligatoria la fatturazione elettronica nei settori B2B e B2C. Il nostro Paese ha anche scelto di optare per il modello di clearance, un approccio che permette all'autorità fiscale di controllare le transazioni in tempo reale. Facciamo insieme un bilancio di questa nuova misura, sui dati ufficiali rilasciati a 9 mesi dalla sua adozione.

 

Modello di clearance: le specificità del caso italiano

Ai fini dell'attuazione del modello di clearance, l'amministrazione italiana ha dovuto ottenere una deroga dall’Unione Europea in merito agli articoli 218 e 232 della Direttiva 2006/112/CE. L'obbligo si applica esclusivamente alle aziende che emettono fatture all’interno del territorio italiano.
 
Oggi il meccanismo riguarda 3,6 milioni di aziende italiane, tra i 5 milioni di società registrate. La differenza è rintracciabile nei soggetti passivi che beneficiano di un'esenzione grazie ad un fatturato dichiarato inferiore ai 65.000 euro. Il modello di clearance comprende anche la fatturazione verso la Pubblica Amministrazione, che si aggira intorno ai 30 milioni di fatture scambiate ogni anno tra 1 milione di imprese e 23.000 amministrazioni pubbliche.  
 
Il modello di clearance all'italiana è basato sull’ormai familiare server di scambio denominato Sistema di Interscambio (SDI), interposto tra il soggetto emittente la fattura e il suo destinatario. L’SdI registra le fatture, le trasmette e le archivia, e genera un feedback sull'elaborazione della fattura, definendo cioè se sia un documento accettabile dal sistema o se invece sia da scartare. Dall'inizio del servizio a fine settembre erano state scartate complessivamente il 2,6% delle fatture.

Le prime ripercussioni della misura

A nove mesi dall'attuazione del modello di clearance, l'amministrazione italiana ha redatto un bilancio positivo della misura. Erano state trasmesse 1,4 miliardi di fatture, ripartite come segue:

 

 

 
Questi dati devono essere tuttavia calati nel contesto specifico. Secondo le stime prodotte da un rapporto dell’Unione Europea nel 2017, il nostro Paese occupa purtroppo il primo posto nella classifica europea dell'evasione IVA, con un danno stimato per le entrate statali pari 33,6 miliardi di euro. 
 
 
Nel suo processo di digitalizzazione delle fatture, l'Italia è stata pioniere in Europa scegliendo il modello di clearance anziché quello del post-audit. Il Paese si distingue oggi per la singolarità di questo processo, con l'obbligo della fatturazione elettronica esteso a tutti i settori: B2B, B2G e B2C.
 

Christophe Viry

Expert in EDI, Software integration, e-invoicing…