Salta al contenuto principale
ottimizzazione logistica di magazzino
Da Laurent Cochet
on 28 Mar 2019 11:17 AM

Per soddisfare le aspettative di clienti sempre più esigenti, oggi i logistici devono risolvere un'equazione a più parametri. In un contesto in cui le referenze si moltiplicano a livello esponenziale, essi devono essere in grado di gestire accuratamente le scorte e preparare gli ordini secondo diverse modalità, limitando i costi operativi. Per raggiungere questo obiettivo, sono in molti ad affidarsi alla triangolazione in magazzino. Di cosa si tratta e quali sono le applicazioni pratiche?

 

Cos'è la triangolazione in magazzino

La triangolazione è un metodo matematico utilizzato per calcolare le distanze: il principio consiste nel ricavare le distanze misurando gli angoli di un triangolo di cui si conoscono le dimensioni.

All'interno di un magazzino, la triangolazione è usata per ottimizzare i percorsi a vuoto assegnando ai carrellisti le missioni ad essi più vicine, con pari ordine di priorità. Questo procedimento può essere applicato alle attività di stoccaggio e destoccaggio, picking, trasferimento, e preparazione degli ordini per ciascun collo.

 

Per approfondire: Organizzare i carrellisti nella gestione del magazzino: una sfida da cogliere

 

Le principali applicazioni della triangolazione

Adattare dinamicamente le priorità

La triangolazione in magazzino consente di adattare le priorità in tempo reale in funzione delle distanze. Una missione poco urgente può quindi diventare prioritaria se la distanza richiesta per compierla è breve.

Per quanto riguarda il destoccaggio, le missioni diventano logicamente sempre più urgenti quanto più ci si avvicina all’orario limite stabilito per il carico. La triangolazione è usata in questo caso per adattare dinamicamente le priorità stabilite per ciascuna missione.

Facciamo l'esempio di due pallet da spedire rispettivamente in 15 e 20 minuti: se il pallet che deve partire in 20 minuti corrisponde alle missioni più vicine geograficamente, verrà gestito con priorità.


Leggi anche: Come favorire la mobilità in magazzino?

 

Snellire i carichi e gestire meglio le urgenze

Grazie alla triangolazione è possibile definire parametri che andranno a riponderare le urgenze allo scopo di snellire le priorità. L'ottimizzazione delle missioni può dunque essere presa in considerazione parallelamente all'urgenza di alcune attività.

Nel caso di un pallet urgente situato troppo lontano per spostare appositamente un carrellista, sarà preferibile attendere qualche minuto nella speranza che un altro carrellista attraversi l'area interessata e prenda in carico la gestione dell'attività. L'idea è di fissare un lasso di tempo entro cui il responsabile di magazzino dovrà dare disposizioni per quella missione in funzione della prossimità dell’area. .

Se nessun carrellista è in grado di gestire la missione nel tempo stabilito, il tragitto verrà percorso appositamente. In alcuni casi, si riuscirà a ottimizzare le distanze percorse senza influire negativamente sulla produttività.

 

Trattare le urgenze dell'ultimo minuto

Utilizzando la triangolazione in magazzino è possibile conoscere la destinazione di un carrellista non appena gli viene assegnata una missione. Grazie a questa funzione, potrà essergli assegnata la missione successiva più rilevante in base alla sua posizione senza attendere che ritorni ad essere disponibile.

In caso di approvvigionamenti urgenti, è inoltre possibile annullare le priorità legate alla distanza per effettuare in primis un picking strategico. Le parametrizzazioni consentono di impostare livelli di priorità in caso di più urgenze.

 

Alimentare un registro di tracking

I dati della triangolazione consentiranno di creare un registro dei giri contenente i tragitti percorsi e il tempo speso in base al tipo di attività, che andranno ad alimentare un registro di tracking. Queste informazioni sono preziose per l'azienda, che potrà sfruttarle integrandole in un sistema di intelligenza artificiale e di machine Learning per l'ottimizzazione continua dei processi.

 

Integrazione con il WMS di Generix Group

Aggiornata di recente per rispondere alle criticità dei responsabili di magazzino, la soluzione di gestione magazzino (WMS) di Generix Group utilizza la triangolazione per ottimizzare le attività di gestione delle risorse e sbloccare le situazioni in tempo reale in caso di perturbazioni.

A livello pratico, ad ogni missione salvata nel WMS viene attribuito un coefficiente di priorità che consentirà di elencare e organizzare le missioni in base al loro grado di urgenza. Le missioni vengono poi assegnate ai carrellisti e ai preparatori degli ordini in funzione della rispettiva ubicazione in magazzino e della loro disponibilità.

In caso di modifica delle priorità, l'ordine delle missioni viene automaticamente ricalcolato per gestire le operazioni più urgenti in modo prioritario. Le modifiche dell'ordine di priorità suggerite dalla triangolazione possono così essere gestite in maniera fluida dai team manager.

 

Barcamenandosi tra gestione delle urgenze e ottimizzazione delle operazioni, i responsabili di magazzino devono oggi affrancarsi dai criteri di priorità se desiderano ottimizzare gli spostamenti dei carrellisti. Grazie alla funzione di triangolazione del WMS di Generix Group, essi si avvalgono di uno strumento che consente di limitare i tragitti degli operatori con pari priorità e gestire le urgenze in maniera ottimale. Questo costituisce un enorme vantaggio per i team manager nella gestione delle risorse e del lancio degli ordini di preparazione.
 

Per approfondire: Gestire efficacemente il lancio degli ordini di preparazione in magazzino
 

Per maggiori informazioni sul WMS Generix di nuova generazione, scarica la scheda prodotto.

Laurent Cochet

Senior Principal Consultant, is developing Generix Consulting Services to accompany Customers in their Supply Chain Digital Transformation. He has a particularly strong expertise on Apparel and Footwear products lifecycles and E-Commerce logistics.