Food & Beverage: strategie intelligenti di multimagazzino e distribuzione

Pubblicato su 29 Giugno 2022

stoccaggio-multiplo-più-intelligente-per-le-aziende-del-settore-alimentare-e-delle-bevande
logo-generix
Generix
Group
Redazione
Categorie
Magazzino
Supply Chain

Nel 2022 sono ancora molte le aziende alle prese con le difficoltà provocate dalla pandemia alle loro supply chain, le cui ripercussioni, insieme alle problematicità scaturite dai recenti sviluppi geopolitici a livello globale, hanno scatenato una forte inflazione e un aumento dei prezzi delle materie prime: da quelle energetiche a quelle alimentari.

Una delle dirette conseguenze è che le aziende del Food & Beverage si stanno sforzando duramente di mantenere inalterate le strutture dei costi, cercando di sfruttare in maniera più intelligente le loro strategie di distribuzione, evasione e spedizione per rimanere efficienti e competitive, spesso anche a fronte di nuovi canali distributivi nel settore dell’e-commerce DTC (Direct-to-Consumer) in rapida crescita.

Gli insegnamenti appresi dalla pandemia hanno spinto i brand del Food & Beverage a cercare di ridurre i rischi aumentando la capacità di produzione al fine di evitare le rotture di stock e accrescere al contempo la velocità delle loro supply chain.

In numerosi paesi, come ad esempio in Nord America, i marchi di ogni settore stanno adottando strategie di multimagazzino collocando le scorte nei punti di distribuzione più vicini ai clienti finali e in più siti. Pur posizionando gli stock in diverse strutture, indipendentemente se magazzini, centri di distribuzione o addirittura micro-fulfillment center e negozi, i vettori e i loro partner 3PL devono comunque poter contare su un unico repository di informazioni e dati aggiornati in tempo reale che consenta di individuare e tracciare facilmente le scorte per trasferirle da un deposito all’altro.

Per raggiungere questo obiettivo – in uno scenario di digitalizzazione accelerata delle supply chain come quello attuale – molte aziende stanno riducendo enormemente o eliminando completamente i processi manuali o cartacei ed orientandosi verso sistemi di gestione del magazzino e dell’inventario in grado di integrarsi a MES, ERP e ad altri sistemi aziendali per offrire una visione d’insieme della supply chain.

Riuscendo a scambiare flussi digitalizzati di informazioni tra i depositi grazie a soluzioni come SOLOCHAIN WMS (il WMS di Generix Group per il Nord America), un sistema avanzato di gestione magazzino in modalità SaaS, i partner della supply chain possono raggiungere livelli elevati di accuratezza delle scorte ottimizzandole tra le varie strutture in modo da poter sfruttare le ubicazioni più vantaggiose, a fronte di modelli di domanda e offerta sempre più dinamici.

In maniera analoga, il magazzino condiviso costituisce un’altra strategia che le organizzazioni della supply chain stanno prendendo in considerazione, poiché permette di ridurre i costi di stoccaggio dei prodotti attraverso la condivisione delle risorse. Uno dei vantaggi può essere l’elevata qualità del servizio, soprattutto quando prodotti simili tra loro con le medesime esigenze di stoccaggio vengono gestiti all’interno di un unico sito o in una serie di strutture.

Come definito in uno studio pubblicato dalla rivista internazionale Computers & Industrial Engineering nel 2017, un magazzino in pooling può essere utilizzato da una molteplicità di player, come produttori, fornitori logistici o distributori, al fine di condividere spazi, risorse e informazioni logistiche per migliorare la performance del processo di distribuzione complessivo.

Migliorare l’efficienza della supply chain

L’attività di trasformazione dei prodotti agricoli è strettamente connessa all’industria del Food & Beverage in ragione del livello di conformità con i requisiti in materia di sicurezza alimentare. Yakima Chief Hops (YCH), una rete di aziende agricole a conduzione familiare produttrici di luppolo con sede a Yakima nello stato di Washington negli USA, non fa eccezione. Si tratta del più grande produttore di luppolo del Nord America che distribuisce i suoi prodotti dagli stabilimenti di Yakima, Sunnyside, California e Belgio.

YCH aveva necessità di disporre di una totale tracciabilità, controllo e visibilità dei suoi prodotti “dal campo al bollitore”, considerato il suo segmento di mercato nell’industria birraria al servizio di molti dei migliori brand mondiali. Oltre a servire i produttori e distributori di birra a livello commerciale, l’azienda ha avviato un’attività di e-commerce DTC in espansione che serve i produttori di birra artigianale fatta in casa.

A loro volta, i clienti YHC del segmento commerciale hanno esigenze specifiche in termini di contratti, accuratezza delle scorte e packaging che devono essere prese in carico. Integrando la soluzione SOLOCHAIN WMS di Generix con l’ERP Sage X3 e con la piattaforma per l’e-commerce Magento, YCH è riuscita a ridurre sensibilmente i suoi processi cartacei in un arco di tempo molto breve.

Il personale di magazzino, invece, utilizza lettori scanner e un sistema di QR code che consente di memorizzare una grande quantità di dati all’interno dello stesso codice a barre. Il risultato? L’automazione da sola ha ridotto i costi di YCH di quasi il 35% rispetto al precedente sistema manuale, oltre ad aver innescato ulteriori efficienze derivanti dall’eliminazione di migliaia di spostamenti di scatoloni che venivano effettuati con il vecchio sistema prima della spedizione ai clienti. Inoltre, i tempi di evasione degli ordini e-commerce sono passati da alcuni giorni a 24 ore o meno. YCH è ora anche in grado di stare al passo con i repentini mutamenti a cui la supply chain del settore Food & Beverage è sempre più spesso sottoposta a causa della pandemia e delle intense perturbazioni geopolitiche.

Una cosa è certa: la digitalizzazione della supply chain e i duri insegnamenti appresi dalla pandemia di Covid-19 stanno spingendo la gestione della supply chain verso una nuova fase, tesa a ridurre i rischi e a migliorare l’efficienza. In combinazione con le soluzioni digitali di gestione delle scorte e i WMS, le strategie multimagazzino e di magazzino condiviso stanno dando prova di riuscire a ottimizzare la performance della supply chain migliorandone l’efficienza.

Risorse
Mostra meno risorse
Mostra tutte le risorse